.
Annunci online

dituttounpo
Voglio vivere come mi va... con la pioggia che cade all'insù...
 
 
 
 
           
       



Facebook me!

Ohana: means family
and family means
nobody gets left behind
or forgotten.


SEI UN MIRACOLO (D. Groff)
Son venuto qui
per dirti tutto per dirti aiutami
ho capito che
questo sono io
nei miei pensieri nei miei lati scomodi
quindi prendimi
ma adesso è presto se tu te ne vai

Sei un miracolo
mi dai il coraggio per stare dove sto
sul ciglio di un equilibrio che non ho
questo sono io, ma con te c'è la farò.
Sono ancora qui
per dirti cosa per dirti scusami
ma comprendimi
siamo sempre noi
sospesi ognuno sul proprio oceano
quando è gelido
ma adesso è presto se tu te ne vai

Sei un miracolo
mi dai il coraggio di stare dove sto
sul ciglio di un equilibrio che non ho
questo son io, ma con te ce la farò.
Provaci tu...ci provo io
provaci adesso che ci provo anch'io
provaci ancora di più

Sei un miracolo
e all'improvviso mi sento in bilico
sul ciglio di un equilibrio che non ho
ma con te c'è la farò

Questo sono io, ma con te c'è la farò.
Sei un miracolo
mi dai il coraggio perr stare dove sto
sl ciglio di un equilibrio che non ho
ma con te ce la farò.
... ce la farò


Although we certainly had our struggles
and hard aches over the years,
we're a family of survivors and we will always be,
which is why we've truly been Charmed!


Addio Matteo!!!
È bastato un attimo di distrazione, quella strada maledetta atraversata velocemente, l’impatto violentissimo, fatale, per segnare la parola fine nell’esistenza di un giovane sportivo, dinamico, pieno di gioia di vivere. Non ha visto l’alba della Santa Pasqua, Matteo Cariello, stroncato nel fiore degli anni da una tragica fatalità. In un sabato santo che preparava alla festa, il buio si è aperto davanti ai suoi occhi e ha cancellato, in pochi drammatici secondi, sogni e speranze. Il sipario è calato, inesorabile, sulla serenità della famiglia, che non potrà mai dimenticare quel giorno.


Magneti
(Testo di Mario Venuti e Kaballà)
Rimetto in movimento la mia capacità di adattamento
un anno speso ad aumentare il comfort generale
ma gli angoli che si erano smussati
si sono riaffilati
E arriva un bastimento carico di rabbia e pentimento
hai voglia a dire "non è vero, è tutto passeggero"
magneti indivisibili e perfetti
perdono i loro effetti
E adesso so cosa perdo
non so immaginare che cosa mi aspetta domani
a cosa serve vagare di amore in amore
se tutto si ripete uguale
tanto vale puntare su di te
E prende il sopravvento
la logica del cuore disattento
il tempo speso ad inventare nuovi modi d\'amare
le tele che hai tessuto nella notte
Il giorno le ha disfatte



Napule è (Pino Daniele)

Napule è mille culure
Napule è mille paure Napule
è a voce de' criature
che saglie chianu chianu e
tu sai ca nun si sulo.
Napule è nu sole amaro
Napule è addore 'e mare
Napule è 'na carta sporca
e nisciuno se ne importa e
ognuno aspetta a' ciorta.
Napule è 'na cammenata
inte viche miezo all'ato
Napule è tutto 'nu suonno
e 'a sape tutti o' munno ma
nun sanno a verità.
Napule è mille culure
(Napule è mille paure)
Napule è 'nu sole amaro
(Napule è addore e' mare)
Napule è 'na carta sporca
(e nisciuno se ne importa)
Napule è 'na camminata
(inte viche miezo all'ato)
Napule è tutto nu suonno
(e a' sape tutti o' munno)



Sii gentile - Charles Bukowski

Ci viene sempre chiesto
di comprendere l'altrui
punto di vista
non importa quanto sia
antiquato
stupido o
disgustoso.
Uno dovrebbe
guardare
agli errori degli altri
e alle loro vite sprecate
con gentilezza,
specialmente se si tratta di
anziani.
Ma l'età è la somma
delle nostre azioni.
sono invecchiati
malamente
perché hanno
vissuto
senza mettere mai a fuoco,
hanno rifiutato di
vedere.
Non è colpa loro?
Di chi è la colpa?
Mia?
A me si chiede di mascherare
il mio punto di vista
agli altri
per paura della loro
paura.
L'età non è un crimine
Ma l'infamia
di un'esistenza
deliberatamente
sprecata
in mezzo a tante
esistenze
deliberatamente
sprecate
lo è.




Resterò seduto qui, al tuo fianco, finchè rimarrai di fronte a questo fiume.
E se te ne andrai a dormire, io dormirò davanti alla casa dove vivi.
E se tu partirai, io seguirò i tuoi passi. Fino a quando mi dirai: "Và via".
Solo allora me ne andrò. Ma ti amerò per il resto della vita.
(da "Sulla sponda del fiume Piedra mi sono seduta e ho pianto" di P. Coelho)


I'm a Bitch
I  hate the world today
You're so good to me I know that I can't change
I tried to tell you but you look at me like maybe
I'm an angel underneath; innocent and sweet
Yesterday I cried; Must've been relief to see the softer side
I can undertsand how you'd be so confused
I don't envy you; I'm a little bit of everything
all roled into one

I'm a Bitch I'm a Lover
I'm a child I'm a Mother
I'm a sinner I'm a saint
I do not feel ashamed
I'm your hell I'm your dream
I'm nothing in between
you know you wouldn't want it any other way

So take me as I am
This might mean you'll have to be a stronger man
Rest assured that when I start to make you nervous
I'm going to extremes; Tomorrow I will change
And today won't mean a thing

Just when you think, you got me figured out
The season's already changin'
I think it's cool; you do what you do
And don't try to save me

I'm a bitch, I'm a tease
I'm a goddess of my knees
When you hurt; when you suffer
I'm your angel undercover
I'm enough; I'm revived
Can't say I'm not alive
You know I wouldn't want it any other way


Vorrei dire (C. Consoli)
Vorrei dire due parole
 a quel giorno cornuto che
 non mi vuole per niente
 incontrare
 vorrei dire due parole
 al mio cuore sfinito che
 non sa reagire e non può
 ringhiare
 voglio un cuore cane
 voglio un cuore cane
 voglio un cuore bastardo!

Vorrei dire due parole
 spiegare cosa significa
 sfuggire al sole per non
 bruciare
 voglio un cuore cane
 voglio un cuore cane
 voglio un cuore bastardo!

voglio un cuore cane
 voglio un cuore cane
 voglio un cuore bastardo!

Vorrei dire due parole
 a quell'istinto assopito che
 non si vuole per niente svegliare



Il messaggio d'auguri più
bello che ho ricevuto:
Auguri per ogni sorriso che
vi farà star bene,
per ogni sogno che
volete realizzare e
auguri per ogni bacio che
vi scalderà il cuore...

( my sister Rosa)


Avrei raggiunto i miei sogni
se prima avessi scoperto
come desideravo utilizzarli...
(P. Coelho - Il Cammino di Santiago)


Somewhere over the rainbow
 Way up high,
 There's a land that I heard of
 Once in a lullaby.

Somewhere over the rainbow
 Skies are blue,
 And the dreams that you dare to dream
 Really do come true.

Someday I'll wish upon a star
 And wake up where the clouds are far
 Behind me.
 Where troubles melt like lemon drops
 Away above the chimney tops
 That's where you'll find me.

Somewhere over the rainbow
 Bluebirds fly.
 Birds fly over the rainbow.
 Why then, oh why can't I?

If happy little bluebirds fly
 Beyond the rainbow
 Why, oh why can't I?

(dal film "Il Mago di Oz" )



Amo in te
-Nazim  Hikmet


Amo in te
 l'avventura della nave che va verso il polo
 amo in te
 l'audacia dei giocatori delle grandi scoperte
 amo in te le cose lontane
 amo in te l'impossibile
 entro nei tuoi occhi come in un bosco
 pieno di sole
 e sudato affamato infuriato
 ho la passione del cacciatore
 per mordere nella tua carne.

 amo in te l'impossibile
 ma non la disperazione.




Mi piaci quando taci…
-Pablo Neruda


Mi piaci quando taci perché sei come assente,
 e mi ascolti da lontano, e la mia voce non ti tocca.
 Sembra che si siano dileguati i tuoi occhi
 e che un bacio ti abbia chiuso la bocca.

 Siccome ogni cosa è piena della mia anima
 tu emergi dalle cose, piena dell'anima mia.
 Farfalla di sogno, assomigli alla mia anima,
 e assomigli alla parola malinconia.

 Mi piaci quando taci e sei come distante.
 Sembri lamentarti, farfalla che tuba.
 E mi ascolti da lontano e la mia voce non ti giunge:
 lascia che io taccia con il silenzio tuo.

 Lascia che ti parli anche con il tuo silenzio
 chiaro come una lampada, semplice come un anello.
 Sei come la notte, silenziosa e stellata.
 Il tuo silenzio è di stella, così lontano e semplice.

 Mi piaci quando taci perché sei come assente.
 Distante e dolorosa come se fossi morta.
 Poi basta una parola, un sorriso.

 E sono felice, felice che non sia vero.



LI. Ille mi par
- Catullo
 

Ille mi par esse deo videtur,
 ille, si fas est, superare divos,
 qui sedens adversus identidem te
 spectat et audit
 dulce ridentem, misero quod omnis
 eripit sensus mihi: nam simul te,
 Lesbia, aspexi, nihil est super mi
 * * * * * * * *
 lingua sed torpet, tenuis sub artus
 flamma demanat, sonitu suopte
 tintinant aures, gemina et teguntur
 lumina nocte.
 otium, Catulle, tibi molestum est:
 otio exsultas nimiumque gestis:
 otium et reges prius et beatas
 perdidit urbes.


... Ecco il mio segreto . E' molto semplice :
non si vede bene che col cuore.
L'essenziale e' invisibile agli occhi ...
Gli uomini hanno dimenticato questa verita' .
Ma tu non la devi dimenticare ...
(Da " Il Piccolo Principe")

 
7 agosto 2008

A la primera persona

A la primera persona que me ayude a comprender
pienso entregarle mi tiempo, pienso entregarle mi fe,
yo no pido que las cosas me salgan siempre bien,
pero es que ya estoy harto de perderte sin querer (querer).

A la primera persona que me ayude a salir
de este infierno en el que yo mismo decidí vivir
le regalo cualquier tarde pa' los dos,
lo que digo es que ahora mismo ya no tengo ni siquiera dónde estar.

El oro pa' quien lo quiera pero si hablamos de ayer:
es tanto lo que he bebido y sigo teniendo sed,
al menos tú lo sabías, al menos no te decía
que las cosas no eran como parecían.

Pero es que a la primera persona que me ayude a sentir otra vez
pienso entregarle mi vida, pienso entregarle mi fe,
aunque si no eres la persona que soñaba para qué
(¿qué voy a hacer? nada).

¿Qué voy a hacer de los sueños?
¿qué voy a hacer con aquellos besos?
¿qué puedo hacer con todo aquello que soñamos?
dime dónde lo metemos.

¿Dónde guardo la mirada que me diste alguna vez?
¿dónde guardo las promesas, dónde guardo el ayer?
¿dónde guardo, niña, tu manera de tocarme?
¿dónde guardo mi fe?

Aunque lo diga la gente yo no lo quiero escuchar,
no hay más miedo que el que se siente cuando ya no sientes nada,
niña, tú lo ves tan fácil, ¡ay amor!
pero es que cuanto más sencillo tú lo ves, más difícil se me hace.

A la primera persona que me ayude a caminar
pienso entregarle mi tiempo, pienso entregarle hasta el mar,
yo no digo que sea fácil, pero, niña,
ahora mismo ya no tengo ni siquiera dónde estar.

A la primera persona que no me quiera juzgar
pienso entregarle caricias que yo tenía guardadas,
yo no pido que las cosas me salgan siempre bien
pero es que ya estoy harto de perderte.


Y a la primera persona que me lleve a la verdad
pienso entregarle mi tiempo, no quiero esperar más,
yo no te entiendo cuando me hablas ¡qué mala suerte!
y tú dices que la vida tiene cosas así de fuertes.

Yo te puedo contar cómo es una llama por dentro,
yo puedo decirte cuánto es que pesa su fuego,
y es que amar en soledad es como un pozo sin fondo
donde no existe ni Dios, donde no existen verdades.

Es todo tan relativo, como que estamos aquí,
no sabemos, pero, amor, dame sangre pa' vivir,
al menos tú lo sabías, al menos no te decía
que las cosas no eran como parecían.

Y es que a la primera persona que no me quiera juzgar
pienso entregarle caricias que yo tenía guardadas,
niña, tú lo ves tan fácil, ¡ay amor!
pero es que cuanto más sencillo tú lo ves, más difícil se me hace.

A la primera persona que no me quiera juzgar
pienso entregarle caricias que yo tenía guardadas,
yo no digo que sea fácil, pero, niña,
ahora mismo ya no tengo ni siquiera dónde estar.
ni siquiera dónde estar.




permalink | inviato da dituttounpo il 7/8/2008 alle 19:12 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa

14 aprile 2008

L.A. Times scrive di noi...

In Italy, crime pays and may get you elected

A beautiful, romantic country of olive-dappled landscapes and cobblestoned piazzas famed for its food, fashion and bella figura, Italy is today a land awash in corruption, economic decay, political ennui, rampant impunity and a fast-declining standard of living.
Inflation is among the highest in Western Europe, growth the lowest.
Record numbers of people report feeling poorer than ever
.

Detto questo... se vince Berlusconi io chiedo la cittadinanza inglese!!!!

E se mai dovesse vincere (in questo momento sto pensando a tutti gli scongiuri possibili), chiedero' agli Italiani che lo hanno votato di farsi avanti... sicuramente sentiro' molti: No, io no... come sempre!!!!!


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. no berlusconi l.a. times

permalink | inviato da dituttounpo il 14/4/2008 alle 14:26 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa

7 marzo 2008

L'antidoto (Syria)

Io ti dici che non so la ragione ma
Ho voglia di star sola
Io non son sicura se in fondo ti amo ancora

Come se fosse facile
come se avessi dove andare
come se il veleno che sei,
che sei per me non fosse mortale

L'esangue ormai teatrino
dei miei miseri scongiuri a te
si esaurirà e svanirà
io invoco qui l'antidoto
contro di te, contro di me
ora, qui


Come se fosse facile
come se avessi dove andare
come se il veleno che sei,
che sei per me non fosse mortale

Io ti dico che non so la ragione ma
ho voglia di star sola
io non son sicura se, in fondo, ti amo ancora


10 febbraio 2008

Da " LA DIVINA COMMEDIA" : Inferno: Canto XXXIII°

 La bocca sollevò dal fiero pasto
quel peccator, forbendola a'capelli
del capo ch'elli avea di retro guasto.
  Poi cominciò: "Tu vuo' ch'io rinovelli
disperato dolor che 'l cor mi preme
già pur pensando, pria ch'io ne favelli.

  Ma se le mie parole esser dien seme
che frutti infamia al traditor ch'i' rodo,
parlare e lagrimar vedrai insieme.
  Io non so chi tu se' né per che modo
venuto se' qua giù; ma fiorentino
mi sembri veramente quand'io t'odo.
  Tu dei saper ch'i' fui conte Ugolino,
e questi è l'arcivescovo Ruggieri:

or ti dirò perché i son tal vicino.
  Che per l'effetto de' suo' mai pensieri,
fidandomi di lui, io fossi preso
e poscia morto, dir non è mestieri;
  però quel che non puoi avere inteso,
cioè come la morte mia fu cruda,
udirai, e saprai s'e' m'ha offeso.
Breve pertugio dentro da la Muda
la qual per me ha 'l titol de la fame,
e che conviene ancor ch'altrui si chiuda
,
  m'avea mostrato per lo suo forame
più lune già, quand'io feci 'l mal sonno
che del futuro mi squarciò 'l velame.
  Questi pareva a me maestro e donno,
cacciando il lupo e ' lupicini al monte
per che i Pisan veder Lucca non ponno.
  Con cagne magre, studiose e conte
Gualandi con Sismondi e con Lanfranchi
s'avea messi dinanzi da la fronte.
  In picciol corso mi parieno stanchi
lo padre e ' figli, e con l'agute scane
mi parea lor veder fender li fianchi.
  Quando fui desto innanzi la dimane,
pianger senti' fra 'l sonno i miei figliuoli
ch'eran con meco, e dimandar del pane.
  Ben se' crudel, se tu già non ti duoli
pensando ciò che 'l mio cor s'annunziava;
e se non piangi, di che pianger suoli?

  Già eran desti, e l'ora s'appressava
che 'l cibo ne solea essere addotto,
e per suo sogno ciascun dubitava;
  e io senti' chiavar l'uscio di sotto
a l'orribile torre; ond'io guardai
nel viso a' mie' figliuoi sanza far motto.
  Io non piangea, sì dentro impetrai:
piangevan elli; e Anselmuccio mio
disse: "Tu guardi sì, padre! che hai?
".
  Perciò non lacrimai né rispuos'io
tutto quel giorno né la notte appresso,
infin che l'altro sol nel mondo uscìo.
  Come un poco di raggio si fu messo
nel doloroso carcere, e io scorsi
per quattro visi il mio aspetto stesso,
  ambo le man per lo dolor mi morsi;
ed ei, pensando ch'io 'l fessi per voglia
di manicar, di subito levorsi
  e disser: "Padre, assai ci fia men doglia
se tu mangi di noi: tu ne vestisti
queste misere carni, e tu le spoglia
".
  Queta'mi allor per non farli più tristi;
lo dì e l'altro stemmo tutti muti;
ahi dura terra, perché non t'apristi?
  Poscia che fummo al quarto dì venuti,
Gaddo mi si gittò disteso a' piedi,
dicendo: "Padre mio, ché non mi aiuti?".
  Quivi morì; e come tu mi vedi,
vid'io cascar li tre ad uno ad uno
tra 'l quinto dì e 'l sesto; ond'io mi diedi,
  già cieco, a brancolar sovra ciascuno,
e due dì li chiamai, poi che fur morti.
Poscia, più che 'l dolor, poté 'l digiuno".
  Quand'ebbe detto ciò, con li occhi torti
riprese 'l teschio misero co'denti,
che furo a l'osso, come d'un can, forti.
  Ahi Pisa, vituperio de le genti
del bel paese là dove 'l sì suona,
poi che i vicini a te punir son lenti,
  muovasi la Capraia e la Gorgona,
e faccian siepe ad Arno in su la foce,
sì ch'elli annieghi in te ogne persona!

  Ché se 'l conte Ugolino aveva voce
d'aver tradita te de le castella,
non dovei tu i figliuoi porre a tal croce.
  Innocenti facea l'età novella,
novella Tebe, Uguiccione e 'l Brigata
e li altri due che 'l canto suso appella.
  Noi passammo oltre, là 've la gelata
ruvidamente un'altra gente fascia,
non volta in giù, ma tutta riversata.


Questo è il mio canto preferito dell'Inferno...




permalink | inviato da dituttounpo il 10/2/2008 alle 11:7 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa

2 febbraio 2008

O ssaje comme fa o core quann s'è sbagliat

Tu stive 'nzieme a n'ato
je te guardaje
primma 'e da' 'o tiempo all'uocchie
pe' s'annammura'
già s'era fatt' annanze 'o core.
A me, a me
'o ssaje comme fa 'o core
a me, a me
quann' s'è annamurato.

Tu stive 'nzieme a me
je te guardavo
comm'è succiesso, ammore
ca è fernuto
ma je nun m'arrenn'
ce voglio pruva'.
Je no, je no
'o ssaje comme fa 'o core
je no, je no
quann s'è sbagliato.




permalink | inviato da dituttounpo il 2/2/2008 alle 14:47 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

27 gennaio 2008

Hugh Grant - Love Autopsy

Figuring out you and me
Is like doing a love autopsy
They could operate all day long
And never figure out what went wrong
Love autopsy
Love autopsy




permalink | inviato da dituttounpo il 27/1/2008 alle 21:6 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

19 gennaio 2008

Inni, le parole sbagliate che tormentano gli Stati di TIMOTHY GARTON ASH

Inni, le parole sbagliate che tormentano gli Stati di TIMOTHY GARTON ASH

LUNEDÌ PROSSIMO, Placido Domingo doveva alzarsi in piedi a Madrid e intonare l'inno nazionale spagnolo nel suo nuovo testo in parte modificato. I versi risultati vincitori di un concorso organizzato dal comitato Olimpico spagnolo sono, quantomeno tradotti, irrimediabilmente banali: Lunga vita alla Spagna! /
Dalle verdi vallate / Al vasto mare, / un inno di fratellanza. E così via. Ma in un Paese i cui abitanti non riescono a trovare un accordo sul numero delle identità nazionali presenti, le indiscrezioni su questo testo anodino hanno provocato un'ondata di polemiche.

"È insulso", ha detto un importante commentatore. Comunque non sarebbe opportuno cantare l'inno anche in basco o in catalano? O forse in un misto di cinque lingue, come in Sudafrica? Non sarebbe più saggio, dopo tutto, lasciare la storica Marcia Reale senza parole, com'è da quando il testo approvato dal Generale Franco fu abbandonato al passaggio della Spagna alla democrazia? Così mercoledì scorso il comitato Olimpico all'improvviso ha ritirato il testo proposto, ribadendo però che la caccia alle nuove parole continua.

Intanto, stando alle cronache, in un altro angolo d'Europa è al lavoro un comitato per la selezione di un inno nazionale kosovaro, in vista di una dichiarazione di indipendenza attesa nel giro di settimane. La comunità internazionale apprezzerebbe che il nuovo staterello non adottasse bandiera e inno identici a quelli della vicina Albania. I leader kosovari si sono cimentati personalmente nella creazione di un nuovo inno: "Quando il grido di guerra cala sul Kosovo".

Grido di guerra! Proprio quello che serve. Ma visto che ci sono ancora dei serbi che vivono in Kosovo non sarebbe bene che parte del nuovo inno fosse in lingua serba? Forse nel vero spirito del multiculturalismo radicale ("voi avete la vostra cultura, noi la nostra"), si potrebbe avere una strofa in albanese che giura morte ai nemici (non meglio identificati, ma chiaramente serbi) seguita da una strofa in lingua serba che giura morte ai nemici (non meglio identificati, ma chiaramente albanesi).

La storia degli inni nazionali è una storia di imbarazzo, perché mostrano come una radiografia tutte le debolezze e i segni di frattura nel corpo di uno Stato. In genere quando una nazione non canta l'inno sono inequivocabilmente guai. Per circa vent'anni dopo la morte di Stalin e la sua caduta in disgrazia i sovietici non cantarono più le parole dell'inno perché diceva: "E Stalin il nostro capo con fede nel popolo/ ci ha ispirato a costruire la terra che amiamo". La Germania orientale anticipò la sua fine mettendo al bando i versi del suo inno nazionale, perché esaltavano "la Germania, patria unita". (Negli anni '40, quando furono scritti, l'idea era che la patria sarebbe stata unita sotto il governo comunista). Più recentemente la corte costituzionale bosniaca ha dichiarato incostituzionale il vecchio inno nazionalista serbo adottato dalla cosiddetta Repubblica Serba di Bosnia.

È un caso raro e fortunato che un paese abbia un inno indiscusso, in un'unica lingua, che sia (a) melodioso, (b) non crei polemiche (c) non sia banale. Quanto a banalità il testo spagnolo di breve vita ha una feroce concorrenza a livello internazionale. Ricordo ad esempio il tono derisorio con cui un giovane australiano ha cantato a me e famiglia, a spasso per le strade di Sydney, le strofe di "Advance Australia Fair". Ma l'inno delle Bahamas sicuramente è il massimo:
Solleva il capo verso il sole che sorge terra di Bahama
Marcia verso la gloria levando alte le tue fulgide bandiere
Guarda come il mondo osserva il tuo incedere!

In tutta sincerità il primo verso di "God Save the Queen" è anch'esso piuttosto banale. L'inno nazionale inglese decolla in realtà solo nella seconda strofa:
Disperdi i suoi nemici,
E falli cadere.
Confondi i loro intrighi,
Frustra le loro manovre
disoneste

Ora vale la pena di cantarlo, ma in genere i britannici non lo fanno. Ma persino gli inni nazionali banali possono dar luogo a momenti di emozione collettiva che fanno venire la proverbiale pelle d'oca. Tanto più è il caso dei pochi inni davvero belli. Un amico sudafricano mi ha raccontato la sua commozione nel vedere per la prima volta una squadra di rugby bianca cantare "Nkosi Sikelel'iAfrika". Non dimenticherò mai tutte le volte che in mezzo ad una folla di polacchi ho avvertito la scarica elettrica dell'emozione mentre la gente attorno a me sfidava l'oppressione cantando la Mazurka di Dabrowski. E, per la tragicità del momento, quasi non si osa ricordare che gli ebrei d'Europa cantavano l'Hatikvah nell'ombra dei campi di sterminio nazisti.

Anche "The Star and Stripes" deve essere annoverato tra i grandi inni, ma il più bello di tutti è la Marsigliese. Esistono varie buone ragioni per desiderare di essere francesi, la migliore è forse cantare la marsigliese. Se ci si domanda cosa significhi essere una nazione, la Marsigliese ne dà, in linguaggio filosofico, una definizione estensiva. Tutti conoscono la scena di "Casablanca" in cui l'eroe della resistenza Victor Laszlo invita l'orchestra del Rick's Bar a suonare la Marsigliese, per soffocare le voci dei tedeschi che cantano "Wacht am Rhein", e persino la prostituta si unisce al coro, in lacrime.

Da tempo sono convinto che gli sceneggiatori di "Casablanca" abbiano rubato l'idea da un film, secondo me ancora più bello, "La grande illusione" di Jean Renoir, girato cinque anni prima. I prigionieri di guerra francesi mettono in scena uno spettacolo di varietà, alcuni in abiti femminili, di fronte agli ufficiali tedeschi, quando viene annunciata la riconquista francese di Douaumont. L'orchestra immediatamente intona la Marsigliese, le "donne" si strappano le parrucche e si mettono sull'attenti, tutti in sala gridano "Aux armes, citoyens / Formez vos bataillons" - e avanti, guardando fissi coloro che li tengono prigionieri, fino alla strofa che vuole che "il sangue impuro" degli invasori, impregni i solchi dei campi di Francia. (Se questo articolo non servirà ad altro che a farvi rivedere quel film, sarà servito più della maggior parte degli articoli).

Gli inni nazionali non hanno solo valore simbolico. Nel migliore dei casi sono anche una componente del sistema nervoso di una comunità politica vitale. A tal proposito è sorprendente che siano così pochi gli inni internazionali riusciti. L'esperimento di Madrid pare sia stato suggerito dalle imminenti Olimpiadi di Pechino. Il movimento olimpico in realtà ha il suo inno, ma pochi lo conoscono e le parole sono sdolcinate. (Forse sarebbe migliore la versione originale in greco). Alle Olimpiadi la gente in realtà aspetta di ascoltare il proprio inno nazionale, come alle partite di calcio o in guerra.

L'Unione Europea ha una bellissima melodia, la musica dell'Inno alla Gioia di Beethoven, ma non un testo ufficiale. L'Onu non ha un inno. Il brano non ufficiale di protesta "We shall overcome" è stato piuttosto in voga a livello internazionale, ma probabilmente l'inno più riuscito della storia moderna (a parte quelli religiosi) è il brano che chiama a raccolta il comunismo globale, l'Internazionale. Persino chi odiava la realtà del comunismo riusciva talvolta ad unirsi al coro. Ne esistevano straordinarie versioni in molte lingue. E perché l'Internazionale fece più di ogni altro concorrenza ai grandi inni nazionali? Perché è marziale, assetato di sangue e presenta dei "noi" eroici che sfidano dei malvagi "loro".

La conclusione è semplice. Se la comunità mondiale deve avere l'inno che merita, serve un nemico comune bello grosso. Temo che avversari inanimati come il cambiamento climatico, l'Aids o i meteoriti non bastino. Ci vuole un aggressore davvero pericoloso da respingere. Quando i marziani invaderanno la terra, il mondo avrà la sua Marsigliese.
(Traduzione di Emilia Benghi)

P.S. L'autore di questo articolo pubblicato stamane da Repubblica sembra ignorare completamente in nostro Inno Nazionale... voi sapete dirmi il motivo per cui accade?
Eppure, avendo ascoltato anche gli altri recentemente, a me sembra che L'Inno Nazionale Italiano
sia di gran lunga migliore della Marsigliese... sarà che sono di parte?
Ai posteri l'ardua sentenza!




permalink | inviato da dituttounpo il 19/1/2008 alle 11:50 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa

8 gennaio 2008

Cassandra, la voce


Sono io, parole senza voce, voce
senza parole, Cassandra. Nessuno
ascolta le mie profezie. Tutti
atterriti dall’urlo che mi squassa.
Nessuno ascolta la mia voce, avvinto
ognuno dal mistero preveggente.
Dono del dio, somma beffa! Chi ode
le sue parole non ode Cassandra.
Chi invoca il vaticinio crede a un dio
non a Cassandra. Duplice dilemma
il mio: delirio e ragione. Delirio
e follia, l’amore rifiutare
di Febo saettante, essere del dio
non amante, ma voce inascoltata,
perseverare nel dono tra i roghi.
Ragione, la profezia
che della mia bellezza percorre ogni
fibra, brucia feroce incendio, vibra
la voce fuori di me senza di me.
Nessuna delle figlie d’Ilio tanto
patì: già presentivo
la morte in me, nei figli bambini,
nell’uomo che mi possedette schiava
e amante. Già sapevo il sangue sparso,
già prima di salpare per la rocca
di Micene regina.
Condannata alla vita
condannata alla morte:
condannata al silenzio,
esausta di parole senza voce e
voce senza parole.

tratta da L’amplesso retorico Edizioni Campanotto, 2004


21 agosto 2007

più delle albe, più del sole, una donna ...(Jack Folla)

 Più dei tramonti, più del volo di un uccello,
la cosa meravigliosa in assoluto
è una donna in rinascita.
Quando si rimette in piedi
dopo la catastrofe, dopo la caduta. Che uno dice: è finita.
No, non è mai finita per una donna.
Una donna si rialza sempre,
anche quando non ci crede, anche se non vuole.

Non parlo solo dei dolori immensi,
di quelle ferite da mina anti-uomo
che ti fa la morte o la malattia.

Parlo di te, che questo periodo non finisce più,
che ti stai giocando l'esistenza
in un lavoro difficile, che ogni mattina è un esame,
peggio che a scuola.

Te, implacabile arbitro di te stessa,
che da come il tuo capo ti guarderà
deciderai se sei all'altezza o se ti devi condannare.

Così ogni giorno,
e questo noviziato non finisce mai.
E sei tu che lo fai durare.

Oppure parlo di te,
che hai paura anche solo di dormirci, con un uomo;
che sei terrorizzata che una storia ti tolga
l'aria, che non flirti con nessuno perché
hai il terrore che qualcuno s'infiltri nella tua vita.
Peggio: se ci rimani presa in mezzo tu,
poi soffri come un cane.

Sei stanca: c'è sempre qualcuno con cui ti devi
giustificare, che ti vuole cambiare,
o che devi cambiare tu
per tenertelo stretto.

Così ti stai coltivando la solitudine dentro casa.

Eppure te la racconti, te lo dici anche quando
parli con le altre: "Io sto bene così. Sto bene così, sto meglio così".

E il cielo si abbassa di un altro palmo.

Oppure con quel ragazzo ci sei andata a vivere,
ci hai abitato Natale e Pasqua.
In quell'uomo ci hai buttato dentro l'anima
ed è passato tanto tempo,
e ne hai buttata talmente tanta di anima,
che un giorno cominci a cercarti
dentro lo specchio perché non sai più chi sei diventata.

Comunque sia andata, ora sei qui
e so che c'è stato un momento che hai guardato giù
e avevi i piedi nel cemento.

Dovunque fossi, ci stavi stretta:
nella tua storia, nel tuo lavoro, nella tua solitudine.
Ed è stata crisi, e hai pianto.
Dio quanto piangete!
Avete una sorgente d'acqua nello stomaco.

Hai pianto mentre camminavi in una strada
affollata, alla fermata della metro, sul motorino.
Così, improvvisamente. Non potevi trattenerlo.

E quella notte che hai preso la macchina
e hai guidato per ore, perché l'aria buia
ti asciugasse le guance?

E poi hai scavato, hai parlato,
quanto parlate, ragazze!
Lacrime e parole.
Per capire, per tirare fuori una radice lunga
sei metri che dia un senso al tuo dolore.

"Perché faccio così? Com'è che ripeto sempre
lo stesso schema? Sono forse pazza?"
Se lo sono chiesto tutte.

E allora vai giù con la ruspa
dentro alla tua storia, a due, a quattro mani,
e saltano fuori migliaia di tasselli.
Un puzzle inestricabile.
Ecco, è qui che inizia tutto. Non lo sapevi?

E' da quel grande fegato
che ti ci vuole per guardarti così, scomposta
in mille coriandoli, che ricomincerai.

Perché una donna ricomincia comunque,
ha dentro un istinto che la trascinerà sempre avanti.

Ti servirà una strategia, dovrai inventarti
una nuova forma per la tua nuova te.

Perché ti è toccato di conoscerti di nuovo,
di presentarti a te stessa.
Non puoi più essere quella di prima.
Prima della ruspa.

Non ti entusiasma? Ti avvincerà lentamente.
Innamorarsi di nuovo di se stessi,
o farlo per la prima volta, è come un diesel.
Parte piano, bisogna insistere.
Ma quando va, va in corsa.

E' un'avventura, ricostruire se stesse. La più grande.

Non importa da dove cominci, se dalla casa,
dal colore delle tende
o dal taglio di capelli.

Vi ho sempre adorato, donne in rinascita,
per questo meraviglioso modo di gridare
al mondo "sono nuova" con una gonna a fiori
o con un fresco ricciolo biondo.
Perché tutti devono capire e vedere:
"Attenti: il cantiere è aperto,
stiamo lavorando anche per voi.

Ma soprattutto per noi stesse".

Più delle albe, più del sole,
una donna in rinascita è la più grande meraviglia.
Per chi la incontra e per se stessa.

È la primavera a novembre.

Quando meno te l'aspetti.




permalink | inviato da dituttounpo il 21/8/2007 alle 12:31 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa

7 luglio 2007

I'LL BE THERE FOR YOU - The Rembrandts

So no-one told you
Life was gonna be this way
Your jobs a joke
You're broke
Your love life's DOA

It's like you're always stuck in second gear
And when it hasn't been your day
Your week
Your month
Or even your year, but

I'll be there for you
When the rain starts to fall
I'll be there for you
Like I've been there before
I'll be there for you
Cos you're there for me too

You're still in bed at ten
And work again at eight
You've burned your breakfast so far
Things are going great
Your mother warned you
There'd be days like these
But she didn't tell you when
The world was brought
Down to your knees, and

I'll be there for you
When the rain starts to fall
I'll be there for you
Like I've been there before
I'll be there for you
Cos you're there for me too

No-one could ever know me
No-one could ever see me
Seems you're the only one who knows
What it's like to be me
Someone to face the day with
Make it through all the rest with
Someone that I'll always laugh with
Even at my worst I'm best with you, yeah

It's like you're always stuck in second gear
And when it hasn't been your day
Your week
Your month
Or even your year

I'll be there for you
When the rain starts to fall
I'll be there for you
Like I've been there before
I'll be there for you
Cos you're there for me too

I'll be there for you
I'll be there for you
I'll be there for you
Cos you're there for me too




permalink | inviato da dituttounpo il 7/7/2007 alle 16:17 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

20 giugno 2007

Negramaro - Una volta tanto (canzone per me)

Ed eccoci all'angolo canzoni che sono scritte per me e per chi riesce a sentire sue le parole di questa canzone.

Negramaro - La finestra... bell'album... un po' troppo concentrato sui vocalizzi di Giuliano che tanto caratterizzano il gruppo.

Questa canzone... scoperta da poco (ahahah), ma amata da subito. Credo che dovrei chiamare Giuliano e ringraziarlo per tutte ste canzoni "scritte per me".

A me capita spesso di innamorarmi di una canzone, non solo della melodia (altrimenti potrei apprezzare certe stupide canzoni inglesi con una melodia da sogno e un testo del tipo: Sally vuole un biscotto...!!!!) ma anche e prima di tutto delle parole.

Ho provato a scrivere delle canzoni e interpretarle con la mia chitarra ma giacciono nascoste nei labirinti della MIA memoria. Eh si perche' nessuno ha avuto mai l'onore di sentirle... solo Lui che e' sempre stato la fonte di ispirazione e che non si e' mai sprecato piu' di tanto nei commenti positivi.

I Negramaro ancora una volta... come 2 estati fa... con la loro ESTATE. E la macchina che correva veloce in autostrada e due pazze a cantare prima di far uscire pazzo Rocco :) eh si... quanti bei ricordi... come il ballettino con Valeriana e Patrizia su queste note... che risate!!!

Degli anni che passano restano i bei ricordi e null'altro se non la presenza costante delle persone con cui ho condiviso!

Ora vi lascio ai Negramaro... che vi piaccia o meno!!!

E se l'avete gia' l'album, allora mettetelo su e ascoltate la canzone leggendo il testo su questo blog...

La poesia sia con voi...


Se chiudo gli occhi non ci sei
in fondo a tutti i miei vorrei.
Almeno tu lasciassi scia, saprei come lavarti via.

Se chiudo gli occhi dove sei
davanti a tutti i dubbi miei.
Almeno tu lasciassi scia saprei come mandarti via.

Una volta tanto
dimmi sempre,
sarà per sempre
.
Quanto ti costa dirmi sempre se poi sempre è una bugia.

Prendimi in giro e dimmi sempre ah
sarà per sempre.
Ma che ti costa dirmi sempre se poi sempre è una bugia.

Se chiudo gli occhi forse sei
tutti gli errori quelli miei.
Almeno tu fossi poesia
saprei cantarti
e così sia.

Chiudessi gli occhi affogherei;
è un fiume in piena di vorrei.

se almeno tu lasciassi scia
saprei seguirti e andare via.

Una volta tanto dimmi sempre,
sarà per sempre.
Quanto ti costa dirmi sempre se poi sempre è una bugia.

Prendimi in giro e dimmi sempre sarà per sempre.
Ma che ti costa dirmi sempre se poi sempre è una bugia.

Se chiudo gli occhi non ci sei,
se chiudo gli occhi dove sei.

Una volta tanto dimmi sempre,
sarà per sempre.
Quanto ti costa dirmi sempre se poi sempre è una bugia.

Prendimi in giro e dimmi sempre sarà per sempre.
Ma che ti costa dirmi sempre se poi sempre è una bugia.

Se chiudo gli occhi non ci sei
in fondo a tutti i miei vorrei.
Almeno tu lasciassi scia, saprei come lavarti via.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. negramaro poesia ricordi una volta tanto

permalink | inviato da dituttounpo il 20/6/2007 alle 17:56 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

15 giugno 2007

Natalia Ginzburg ha detto...

 L'Italia è un paese pronto a piegarsi ai peggiori governi. È un paese dove tutto funziona male, dove regna il disordine, il cinismo, l'incompetenza, la confusione. E tuttavia, per le strade, si sente circolare l'intelligenza, come un vivido sangue.

 




permalink | inviato da dituttounpo il 15/6/2007 alle 10:35 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

3 agosto 2006

Credo... [Da "Radiofreccia" - monologo di Freccia]

Credo nelle rovesciate di Bonimba, e nei riff di Keith Richards.
Credo al doppio suono di campanello del padrone di casa, che vuole l'affitto ogni primo del mese.
Credo che ognuno di noi si meriterebbe un padre e una madre che siano decenti con lui almeno finché non si sta in piedi.
Credo che un'Inter come quella di Corso, Mazzola e Suarez non ci sarà mai più, ma non è detto che non ce ne saranno altre belle in maniera diversa.
Credo che non sia tutto qua, però prima di credere in qualcos'altro bisogna fare i conti con quello che c'è qua, e allora mi sa che crederò prima o poi in qualche Dio.
Credo che se mai avrò una famiglia sarà dura tirare avanti con trecento mila al mese, però credo anche che se non leccherò culi come fa il mio caporeparto difficilmente cambieranno le cose.
Credo che c'ho un buco grosso dentro, ma anche che, il rock n' roll, qualche amichetta, il calcio, qualche soddisfazione sul lavoro, le stronzate con gli amici, beh ogni tanto questo buco me lo riempiono.
Credo che la voglia di scappare da un paese con ventimila abitanti vuol dire che hai voglia di scappare da te stesso, e credo da te stesso non ci scappi neanche se sei Eddie Merckx.
Credo che non è giusto giudicare la vita degli altri, perché comunque non puoi sapere proprio un cazzo della vita degli altri.




permalink | inviato da il 3/8/2006 alle 13:1 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

21 giugno 2006

Io sono l’unica il cui destino (Emily Brontë)

Io sono l’unica il cui destino

lingua non indaga, occhio non piange;

non ho mai causato un cupo pensiero,

né un sorriso di gioia, da quando sono nata.

Tra piaceri segreti e lacrime segrete,

questa mutevole vita mi è sfuggita,

dopo diciott’anni ancora così solitaria

come nel giorno della mia nascita.

E vi furono tempi che non posso nascondere,

tempi in cui tutto ciò era terribile,

quando la mia triste anima perse il suo orgoglio

e desiderò qualcuno che l’amasse.

Ma ciò apparteneva ai primi ardori

di sentimenti poi repressi dal dolore;

e sono morti da così lungo tempo

che stento a credere siano mai esistiti.

Prima si dissolse la speranza giovanile,

poi svanì l’arcobaleno della fantasia;

infine l’esperienza mi insegnò che mai

crebbe in un cuore mortale la verità.

Era già amaro pensare che l’umanità

fosse insincera, sterile, servile;

ma peggio fu fidarmi della mia mente

e trovarvi la stessa corruzione




permalink | inviato da il 21/6/2006 alle 22:53 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa

2 giugno 2006

Divina Commedia - Purgatorio VI Canto

Ahi serva Italia, di dolore ostello,
nave sanza nocchiere in gran tempesta,
non donna di province, ma bordello!

  Quell'anima gentil fu così presta,
sol per lo dolce suon de la sua terra,
di fare al cittadin suo quivi festa;

  e ora in te non stanno sanza guerra
li vivi tuoi, e l'un l'altro si rode
di quei ch'un muro e una fossa serra.

  Cerca, misera, intorno da le prode
le tue marine, e poi ti guarda in seno,
s'alcuna parte in te di pace gode.

  Che val perché ti racconciasse il freno
Iustiniano, se la sella è vota?
Sanz'esso fora la vergogna meno.

  Ahi gente che dovresti esser devota,
e lasciar seder Cesare in la sella,
se bene intendi ciò che Dio ti nota,

  guarda come esta fiera è fatta fella
per non esser corretta da li sproni,
poi che ponesti mano a la predella.

  O Alberto tedesco ch'abbandoni
costei ch'è fatta indomita e selvaggia,
e dovresti inforcar li suoi arcioni,

  giusto giudicio da le stelle caggia
sovra 'l tuo sangue, e sia novo e aperto,
tal che 'l tuo successor temenza n'aggia!

  Ch'avete tu e 'l tuo padre sofferto,
per cupidigia di costà distretti,
che 'l giardin de lo 'mperio sia diserto.

  Vieni a veder Montecchi e Cappelletti,
Monaldi e Filippeschi, uom sanza cura:
color già tristi, e questi con sospetti!

  Vien, crudel, vieni, e vedi la pressura
d'i tuoi gentili, e cura lor magagne;
e vedrai Santafior com'è oscura!

  Vieni a veder la tua Roma che piagne
vedova e sola, e dì e notte chiama:
«Cesare mio, perché non m'accompagne?».

  Vieni a veder la gente quanto s'ama!
e se nulla di noi pietà ti move,
a vergognar ti vien de la tua fama.

  E se licito m'è, o sommo Giove
che fosti in terra per noi crucifisso,
son li giusti occhi tuoi rivolti altrove?

  O è preparazion che ne l'abisso
del tuo consiglio fai per alcun bene
in tutto de l'accorger nostro scisso?

  Ché le città d'Italia tutte piene
son di tiranni, e un Marcel diventa
ogne villan che parteggiando viene.

  Fiorenza mia, ben puoi esser contenta
di questa digression che non ti tocca,
mercé del popol tuo che si argomenta.

  Molti han giustizia in cuore, e tardi scocca
per non venir sanza consiglio a l'arco;
ma il popol tuo l'ha in sommo de la bocca.

  Molti rifiutan lo comune incarco;
ma il popol tuo solicito risponde
sanza chiamare, e grida: «I' mi sobbarco!».

  Or ti fa lieta, ché tu hai ben onde:
tu ricca, tu con pace, e tu con senno!
S'io dico 'l ver, l'effetto nol nasconde.

  Atene e Lacedemona, che fenno
l'antiche leggi e furon sì civili,
fecero al viver bene un picciol cenno

  verso di te, che fai tanto sottili
provedimenti, ch'a mezzo novembre
non giugne quel che tu d'ottobre fili.

  Quante volte, del tempo che rimembre,
legge, moneta, officio e costume
hai tu mutato e rinovate membre!

  E se ben ti ricordi e vedi lume,
vedrai te somigliante a quella inferma
che non può trovar posa in su le piume,

  ma con dar volta suo dolore scherma.




permalink | inviato da il 2/6/2006 alle 10:34 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

13 giugno 2005

Sarebbe incredibile - Tiromancino

Se rincontrarti è difficile
non mi stanco
e questo è il momento che aspettavo
da tanto tempo
cercherò il modo migliore per dirti
che sei diventata un’idea ricorrente
nella mia mente.

L’ho capito perché se ti penso
sorrido di più
guardo tutto con occhi diversi
andando lontano
oltre i confini della mia esperienza
verso obiettivi importanti
da raggiungere.

Sarebbe incredibile
fare parte del tuo mondo
per condividere con te
ogni giorno.
A volte mi è successo
di essere sincero e dovermi pentire
perché dare tutto me stesso
e sembrare pazzo
mi fa soffrire
ma ora non voglio preoccuparmi
preferisco farmi trasportare
dalle emozioni profonde.

Sarebbe incredibile
fare parte del tuo mondo
e condividerlo con te
fino in fondo.

Mi sembra così naturale ritrovarci
uniti dall’intensità di questo momento
a parlare
ed è incredibile
fare parte del tuo mondo
per condividerlo con te
ogni giorno




permalink | inviato da il 13/6/2005 alle 12:37 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

29 maggio 2005

Ancora una canzone... Baglioni stavolta...per me...

 ma perché di tanti proprio questo stesso posto
 dove ci trovammo tardi e ci lasciamo troppo presto
 che facciamo abbiamo chiesto e solo il vento ci ha risposto
 tanto la sua musica va avanti pure senza testo
 e ammazziamo il tempo e ammazza noi quel tempo indietro
 e il sole taglia il mare e il nostro amore in due come un aratro
 e finiamo tutta questa strada metro dopo metro
 perché dietro a un gran finale serve sempre un bel teatro

 e la canzone degli amori infelici
 l'ultima occasione per attori e attrici

 io non lo so perché ma è un po' buffo
 stare io e te su un crepaccio
 quasi come ad aspettare il tuffo
 e buttare lì a casaccio un che di diverso
 uno scherzo sì
 come fossi io il tuo pagliaccio
 cercare qui
 dentro ad un setaccio ciò che è perso
 o almeno poi
 tutto quello che sta in un abbraccio
 fra di noi

 e non ci resta
 che dipingere la scena con l'ultimo sguardo
 come mettersi di schiena a quel falsario del ricordo
 quanto abbiamo corso insieme per tagliare già il traguardo
 tanto vincitori o vinti ci stringiamo in un accordo

 se non siamo più come ci siamo amati
 e non sapremo mai quel che saremmo stati

 io non lo so com'è ma è successo
 mentre prendo te col tuo braccio
 con lo stesso impaccio allora e adesso
 non so dire no uno straccio in più di parola
 una sola no
 sulle labbra dure di ghiaccio
 morire un po'
 come avessi un laccio sulla gola
 ma tanto poi
 tutto il resto è tutto in un abbraccio
 tra di noi




permalink | inviato da il 29/5/2005 alle 17:28 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa

28 maggio 2005

Amici mai

Questa sera non chiamarmi
 no stasera devo uscire con lui
 lo sai non è possibile
 io lo vorrei
 ma poi mi viene voglia di piangere.
 Certi amori non finiscono
 fanno dei giri immensi e poi ritornano
 amori indivisibili
 indissolubili
 inseparabili.

 Ma amici mai
 per chi si cerca come noi
 non è possibile
 odiarsi mai
 per chi si ama come noi
 basta sorridere
 no non non piangere
 ma come faccio io a non piangere.

 Tu per me sei sempre l'unica
 straordinaria,normalissima
 vicina e irraggiungibile
 inafferrabile,incomprensibile
 ma amici mai
 per chi si cerca come noi
 non è possibile
 odiarsi mai
 per chi si ama come noi
 sarebbe inutile.

 Mai mai il tempo passerà
 mai mai il tempo vincerà.
 Il nostro non conoscersi
 per poi riprendersi
 è una tortura da vivere.

 no stasera non uscire con lui
 il nostro amore è unico
 inseparabile indivisibile
 ma amici mai.




permalink | inviato da il 28/5/2005 alle 11:25 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa

13 marzo 2005

le vibrazioni per me...

Sai che
..è difficile non averti e...
dover sorridere alla gente che
non sa della mia vita intima
si aspettan che li faccia ridere...
mentre tu vai via!
.. e... vado via per difendermi
ma ovunque andrò so che io ti penserò
sperando che per te sia identico.
Ascoltami le gioie non sempre son gratuite
a vote i mondi si contendono gli spazi vuoti
di un deserto che
non si vede ma senti che in fondo c'è e non è semplice.
E vado via per difendermi
ma ovunque andrò so che io ti penserò
sperando che per te sia identico.
Ma cosa fai?! Non esiste che così da un giorno all'altro mi dici che
ritorni indietro e forse ritornerai da me.
Ovunque andrò.
Ovunque andrò.
E vado via per difendermi
ma ovunque andrò so che io ti penserò
sperando che per te sia identico.
Ma cosafai?! Non esiste che così da un giorno all'altro mi dici che
ritorni indietro e forse ritornerai da me.
Ovunque andrò.
Ovunque andrò.
Ovunque andrò.




permalink | inviato da il 13/3/2005 alle 18:30 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa

1 marzo 2005

Crescendo e cercando - C. Baglioni

 Sono nato anch'io sotto un passaggio di stelle
 e nel cuore mio fu come netta rotta il tuono
 ho viaggiato il mio destino tra l'anima e la pelle
 muto in ogni addio da solo il vento non ha suono
 io non chiedo un poco più di pane
 ma che tu lo mangi insieme a me
 io non credo che ci sia la pace mai
 se la pace non è dentro te
 e così crescendo e cercando via e dove e come e quando
 troveremo infine chissà la via della felicità
 ogni dì crescendo e cercando sì ma dove domani o quando prenderemo insieme la scia nel tempo della fantasia
 sono stato già in tutti i luoghi del mondo in qualunque età in mille storie quasi uguali
 ho volato là nel sogno da sempre sullo sfondo ma la vita va è appena un battito di ali
 dove spero che mi dia da bere chi non sa la sete che cos'è
 e sospiro per aver del bene se solo può far bene pure a te (un soffio d'amore)
 e così crescendo e cercando via e dove e come e quando
 troveremo infine chissà la via della felicità
 ogni dì crescendo e cercando sì ma dove domani o quando prenderemo insieme la scia nel tempo della fantasia
 e così crescendo e cercando sì ma dove domani o quando prenderemo insieme la scia nel tempo della fantasia
 crescendo e cercando
 la via della felicità
 

   


 




permalink | inviato da il 1/3/2005 alle 9:15 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa

28 febbraio 2005

Cambiare - Alex Baroni

Ti nasconderai
 dentro i sogni miei
 ma io non dormiro'
 mi dovra' passare
 e quanti amori avrai
 che cosa gli dirai
 e quanto anche dl me
 io dovro' cambiare.
 amore, non mi provocare
 arrivero' fino alla fine dl te
 amore, mi dovra' passare
 per restare libero, cambiare.
 ti nasconderai dentro gli occhi miei
 ma io non guardero'
 io dovro' cambiare.
 amore, che non puo' volare
 resterai qui fino alla fine di me?
 amore, mi dovra' passare
 per diventare libero, cambiare, cambiare.
 combattero' con le mie notti bianche
 combattero' devo ricominciare a inventare me.
 amore, non mi provocare
 arrivero' fino alla fine di te.
 amore da dimenticare
 per diventare libero, cambiare, cambiare
 e per non cadere piu', cambiare




permalink | inviato da il 28/2/2005 alle 13:40 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa

11 dicembre 2004

Amore bello C. Baglioni / C. Baglioni - A. Coggio (1973)

Così vai via non scherzare no... domani via per favore no... devo convincermi però che non è nulla ma le mie mani tremano... in qualche modo io dovrò restare a galla... e così te ne vai... cosa mi è preso adesso? Forse mi scriverai... ma sì è lo stesso... Così vai via l'ho capito sai... che vuoi che sia se tu devi vai... mi sembra già che non potrò più farne a meno mentre i minuti passano... forse domani correrò dietro il tuo treno... tu non scordarmi mai... com'è banale adesso... balliamo ancora dai... ma sì è lo stesso... Amore bello come il cielo bello come il giorno bello come il mare amore... ma non lo so dire... Amore bello come un bacio bello come il buio bello come Dio amore mio non te ne andare... Perché è così... no non è giusto se è così... se te ne vai... se te ne vai... Perché è così... perché finisce tutto qui tra poco andrai... un lento, l'ultimo oramai... E fare finta, che ne so?! di essere matto piangere urlare e dire no... non serve a niente, già lo so è finito tutto... e se tu caso mai... ma non mi sente adesso... balliamo ancora dai... ma sì è lo stesso... Amore bello come il cielo bello come il giorno bello come il mare amore... ma non lo so dire... Amore bello come un bacio bello come il buio bello come Dio amore mio non te ne andare... Vai via così... no non è giusto ma è così... sei bella sai... sei bella sai... Vai via così... finisce allora tutto qui fra poco andrai... un lento, l'ultimo oramai...




permalink | inviato da il 11/12/2004 alle 14:41 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

17 novembre 2004

C.Consoli . fidarmi delle tue carezze

sai come prendermi in giro le tue favole spaventano ed ora ho bisogno di avere paura di rincorrerti e non afferrarti conoscere tutto di te a cosa serve? A COSA SERVE... sai come prendermi in giro le tue favole divertono ED ORA HO BISOGNO DI RIDERE TANTO DI NASCONDERMI E NON CERCARTI conoscere tutto di te a cosa serve? a cosa serve... ED ORA PIÙ CHE MAI VORREI SENTIRE IL CALORE DELLE TUE MANI TROVARE IL CORAGGIO DI FIDARMI DELLE TUE CAREZZE ..fidarmi delle tue carezze




permalink | inviato da il 17/11/2004 alle 22:56 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa

7 novembre 2004

Meg - Simbiosi

Sogno o realtà Dimmi di che materia è fatta questa vita Senza l'uno l'altra m'immagino sarebbe Come un tunnel senza uscita Come i Magi senza la cometa Come Ulisse senza la sua curiosità Come un piano che nessuno suonerà Sognando ad occhi aperti vedo il mondo che vorrei Racchiuso in un sorriso di chi non sorride mai Se non provi a spostare l'orizzonte un po' più in là I sogni non coincideranno mai con la realtà Disegno la realtà Come fossi il genio della lampada Mille e una possibilità Aspettano solo che io schiocchi le dita E che avvenga la simbiosi magica Sognando ad occhi aperti vedo il mondo che vorrei Racchiuso in un sorriso di chi non sorride mai Se non provi a spostare l'orizzonte un po' più in là I sogni non coincideranno mai con la realtà Un pensiero improvviso m'illumina Come una lanterna Non so come si sia acceso Ma un motivo di sicuro ci sarà Mi dico che devo tenere I piedi ben piantati a terra Per far radicare desideri Che nessuno mai nessuno estirperà Sognando ad occhi aperti vedo il mondo che vorrei Racchiuso in un sorriso di chi non sorride mai Se non provi a spostare l'orizzonte un po' più in là I sogni non coincideranno mai con la realtà




permalink | inviato da il 7/11/2004 alle 0:52 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

23 ottobre 2004

GIORGIA

Se fra tanto tempo ci incontreremo ancora ti dirò ogni cosa se potrò ancora guardare dentro ai tuoi occhi ti dirò ogni cosa, sarò la tua sposa amami per come sono amami così anche da lontano amami amore mio celeste perché io ti amo e ti amerò per sempre se fra tanto tempo ci incontreremo ancora ti darò i miei doni e ti dirò ogni cosa, ti dirò ogni cosa ti darò ogni bacio con cui in passato ti avrò già tradito e poi sarò la tua sposa amami per come sono amami così anche da lontano amami amore mio celeste perché io ti amo e ti amerò per sempre se fra tanto tempo potrò abbracciarti ancora potrò parlarti ancora potrò sorriderti ancora ti dirò ogni cosa, sarò la tua sposa per sempre, per sempre.




permalink | inviato da il 23/10/2004 alle 20:59 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa

13 agosto 2004

Mario Venuti

...sei di certo il frutto migliore che ha dato la mia immaginazione...




permalink | inviato da il 13/8/2004 alle 22:29 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

6 giugno 2004

Max Pezzali - Tutto ciò che ho


Avrei voluto essere
Come il capoclasse che avevo
Quando andavo a scuola
Che esempio era per me
Avrei voluto come lui
Non avere mai un dubbio,
Un cedimento, un'incertezza
E non menarmela mai
Avrei voluto per un po'
Non avere il mio carattere,
Il mio corpo, la mia faccia
Avrei voluto anche se
Poi ho capito che ogni mattina
Io c'ero sempre,
Ero sempre con me.
Se sono giusto oppure no,
Se sono a posto o pessimo,
Se sono il primo o l'ultimo,
Ma sono tutto ciò che ho.
Se sono bravo oppure no,
Se sono furbo o stupido,
Se sono scuro o limpido,
Ma sono tutto ciò che
Tutto ciò che ho.
Avrei voluto essere
Un bravo studente, un bravo figlio,
Un bravo fidanzato,
O almeno uno dei tre,
E avrei voluto andare via
Quando questa cittadina
L'ho sentita stretta addosso
Non la credevo più mia,
Avrei voluto stare anch_io
In un posto dove il mio destino
Non fosse già scritto,
Avrei voluto anche se
Poi ho capito che dovunque andassi
Io c'ero sempre,
Ero sempre con me.
...

Avrei voluto essere
In passato meno innamorato
Di chi non ha avuto
Alcun riguardo per me,
E avrei voluto dare a te
Tutto quel che ho dentro
E che io troppe volte ti ho negato
Senza sapere perché.
Avrei voluto, e solo Dio
Sa quanto ho cercato
Di tirare fuori ciò che sento,
Avrei voluto dirti che
Prego che qualsiasi cosa accada
Tu ci sia sempre
Tu sia sempre con me.
Se sono giusto oppure no,
Se sono a posto o pessimo,
Se sono il primo o l'ultimo,
Ma tu sei tutto ciò che ho.
Se sono bravo oppure no,
Se sono furbo o stupido,
Se sono scuro o limpido,
Ma tu sei tutto ciò che
Tutto ciò che ho.




permalink | inviato da il 6/6/2004 alle 18:52 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa

25 maggio 2004

Bella senz'anima.... by Cocciante

E adesso sieditiiiii
su quella seggiolaaaa
Stavolta ascoltamiiiii
senza interrompere
è tanto tempo cheeeee
volevo dirtelooo

Vivere insieme a te
è stato inutile
tutto senz'allegria
senza una lacrima
niente da aggiungereeee
nè da dividere

Nella tua trappola
ci son caduto anch'io
avanti il prossimo
gli lascio il posto mio
povero diavoloooooooo
che pena mi faaaaa

E quando a letto lui
ti chiederà di più
glielo concederai
perché tu fai così
come sai fingere
se ti fa comodo

adesso so chi seiiiiiii
e non ci soffro piùùùùù
e se verrai di làààà
te lo dimostrerò
e questa volta tu
te lo ricorderaiiiiiiiii

e adesso spogliati
come sai fare tu
ma non illuderti
io non ci casco più
tu mi rimpiangerai
bella senz'anima




permalink | inviato da il 25/5/2004 alle 14:48 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

16 maggio 2004

sui muri di napoli...

Meglio a tavola col vino che abbonato a Ferlaino!




permalink | inviato da il 16/5/2004 alle 21:2 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

5 maggio 2004

C. Baglioni

...Quando sembra di sfiorarsi e

invece in mezzo restano dei ponti levatoi

che non si abbassano...

 




permalink | inviato da il 5/5/2004 alle 17:48 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


 

Ultime cose
Il mio profilo

- PEACE & LOVE -
Emergency
LigaJovaPelù
- VISIT THIS SITE -
IL MIO CV ON LINE
My Life in My Photos...
Massimo Troisi
**SouthCoast089**
Niente e così sia - Oriana Fallaci
Paola Turci
Mario Venuti...bella musica...
Mousikèlab
Apple
Azione Cattolica Italiana
formazione...e divertimento!
- BLOGGERS&FRIENDS
la calzetta del cannocchiale
Eusebio ;P
L'Egitto di Ossama
Emanuelaaaaa
un'omonima..o quasi...



me l'avete letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom

   
sfoglia     aprile